Inflazione: ecco la classifica delle città italiane più care

L’ultimo studio sul costo del carrello della spesa nelle città italiane ha fatto registrare un primo posto sorprendente 

L’Unione Nazionale Consumatori ha stilato la classifica di tutte le città e delle regioni più care d’Italia del 2022, per quanto riguarda l’aumento del costo della vita. Uno studio basato sull’inflazione media dello scorso anno ha consentito di calcolare la spesa che una famiglia è stata costretta a pagare in più nel 2022.

L’inflazione alleggerisce il carrello della spesa degli italiani – Notizie.com

Mentre l’inflazione continua a galoppare segnando mese dopo mese livelli record che non si registravano da tanti anni, il portafoglio delle famiglie italiane continua a svuotarsi inesorabilmente. E se le bollette energetiche dovrebbero essersi stabilizzate, è il carrello della spesa a essere sempre più caro.

L’inflazione condiziona l’aumento dei prezzi

Il momento non è certo dei più favorevoli per l’economia nazionale. Dopo la stangata energetica della scorsa estate e il timore di passare un inverno al ghiaccio per via dello scarso approvvigionamento di gas, il vero problema che sta affliggendo le famiglie italiane è l’inflazione che ha portato a un rialzo generalizzato dei prezzi. Il carrello della spesa è diventato così sempre più vuoto di beni di prima necessità a causa dell’aumento dei prezzi al dettaglio con un’ inflazione che continua inesorabilmente a erodere gli stipendi degli italiani. L’Istat, l’Istituto Nazionale di Statistica, ha fotografato il momento rendendo noto il dato sull’inflazione nel mese di marzo e su questi dati l’Unione dei consumatori ha stilato la classifica delle città più care d’Italia in termini di aumento del costo della vita. E a sorpresa non sono le grandi città come Roma e Milano a essere in testa alla classifica, bensì è Bolzano la città più cara d’Italia.

Bolzano è la città più cara d’Italia – Notizie.com –

La classifica meno invidiata

Per stilare la classifica delle città dove l’inflazione si fa più sentire condizionando maggiormente l’aumento dei prezzi si sono tenuti in considerazione soltanto i capoluoghi con più di 150 mila abitanti. Bolzano, poi Milano e infine Siena, questo è il poco lusinghiero podio delle città più care d’Italia. A Bolzano, quindi, l’inflazione tendenziale risulta essere pari al +8,5% e questo si traduce nella maggior spesa aggiuntiva, equivalente a 2.259 euro per una famiglia media. Secondo posto in classifica per Milano, dove il rialzo dei prezzi su base annua si attesta all’8,2%, con un incremento di spesa annuo pari a 2.226 euro a famiglia, mentre sul gradino più basso del podio troviamo Siena. La città toscana, con un aumento dei prezzi del +9,6%, risulta essere la seconda inflazione più alta d’Italia ex aequo con Imperia, con una spesa supplementare pari a 2.164 euro annui per una famiglia tipo. Genova, Varese e Grosseto seguono ai piedi del podio con un aumento medio sempre oltre le 2000 euro a famiglia. La città più virtuosa d’Italia in termini di spesa aggiuntiva più bassa è Potenza, con l’inflazione più bassa del Paese, soltanto +4,8%, dove in media si spendono “solo” 948 euro in più. Seguono Reggio Calabria ex aequo con Catanzaro.

Impostazioni privacy