Chiese, Santuari, Basiliche, Cattedrali: ecco in cosa si differenziano

Forse non tutti sanno che questi luoghi di culto non sono la stessa cosa, ma ognuno ha una propria precisa identità e finalità

L’Italia è il paese dell’arte, della cultura, dei monumenti, pochissime città al mondo possono competere, ma la vittoria sarebbe già scritta. Fiore all’occhiello, tra i tanti, sono le numerosissime chiese e cattedrali diffuse sul territorio del nostro Bel Paese.  La storia della chiesa, infatti, attraversa la storia dell’arte, la bellezza e il sacro che spesso si incontrano sono nel cuore della civiltà da sempre.

La differenza tra Basilica e Duomo – Notizie.com –

Tutte le conquiste della storia artistica italiana sono sempre state abilmente sfruttate da qualche potente di turno per riflettere la gloria e lo splendore del proprio regno. In seguito al riconoscimento del cristianesimo ci furono diversi cambiamenti, l’arte fu messa al servizio della chiesa e i più importanti artisti italiani concentrarono il loro lavoro per lasciare una grande eredità a tutta l’arte italiana.

I nostri luoghi di culto sono opere d’arte

Infatti, fortunatamente, le nostre chiese, le basiliche e i duomi delle nostre città sono piene di opere d’arte meravigliose, e loro stesse rappresentano mete d’attrazione e punti focali di qualsiasi viaggio in Italia. Ma tra duomo, basilica e cattedrale che differenze ci sono? La chiesa più comune è quella parrocchiale, che ospita l’agglomerato principale della comunità religiosa di un luogo. Il duomo è semplicemente la chiesa considerata più importante in una città, è la chiesa principale di un centro urbano. Consideriamo che il termine è estraneo al diritto canonico, è la tradizione che fornisce l’appellativo “duomo” a una chiesa. Con il termine basilica era originariamente denominato l’edificio pubblico romano in cui si svolgevano adunanze e si amministrava la giustizia, quando la religione cristiana prese piede, si trasformarono questi luoghi civili in luoghi religiosi, cioè in chiese. La chiesa cristiana letteralmente è la casa del signore. Etimologicamente viene dal greco basileus, che significa re, e da oikos, che vuol dire casa. Ogni chiesa, quindi, può essere considerata una basilica, ma la Chiesa riconosce questo “titolo” solo per nomina pontificia, per particolare valore storico o artistico. La basilica gode di alcuni privilegi, definiti dagli abiti sacerdotali o da oggetti usati per il culto e le celebrazioni, il che gli conferisce particolare valore.

Il Duomo di Milano – Notizie.com

Basilica minore o maggiore

Basiliche sono “Minori” o “Maggiori”. In realtà, sono tutte definite “Minori”, tranne quattro, tutte a Roma: San Pietro, San Paolo fuori le Mura, San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore. La cattedrale è la chiesa più importante di una diocesi, centro liturgico e spirituale, situata in una posizione centrale della città e decorazioni più elaborate rispetto alla basilica, come dice il suo nome, contiene la Cattedra del vescovo della diocesi, simbolo di potestà e di responsabilità del vescovo. Infatti, il termine cattedrale deriva dal greco cathèdra che significa “seggio”, riferendosi alla sedia con lo schienale e priva di braccioli usata dai filosofi nell’antichità.

 

 

Impostazioni privacy