Chi sono i divulgatori di fake news? Ecco le loro caratteristiche

Quanti di voi sono cascati in una “Fake News”? Ovvero una notizia che è stata spacciata per vera, ma in realtà era del tutto falsa. Proviamo a conoscere meglio chi sono coloro che mettono in giro queste notizie

Diffidate dai “Mio cugino ha detto…” oppure i classici: “Fidati che l’amico dello zio di mio padre…” c’è in giro (in questo caso in rete) chi fa decisamente molto peggio. Ovvero divulgare le classiche “Fake News“. In molti ci cascano. La prima cosa da fare, ovviamente, è vedere da dove arriva la fonte (se è sicura oppure no). Successivamente capire chi è che diffonde tutto questo.

Fake News, chi sono i divulgatori?
Fake News (Pixabay Foto) Notizie.com

Una risposta a tutto questo c’è ed arriva da uno studio che è stato pubblicato recentemente dalla rivista “Science“. La stessa che ha analizzato, in modo del tutto approfondito, dei tweet a sfondo politico. Soprattutto durante la campagna elettorale per le elezioni presidenziali americane del 2016 (quelle che hanno visto come vincitore l’imprenditore Donald Trump).

Fake News, chi sono i divulgatori delle notizie false?

La maggior parte di loro sono principalmente persone anziane e dei conservatori. A quanto pare stiamo parlando anche di utenti fin troppo “attivi” in rete. Tanto è vero che pubblicano la bellezza di 70 tweet (media) al giorno. A testa. Non è finita qui visto che lo 0,1% delle persone che viene identificato come “cialtrone” è responsabile di un buon 80% delle notizie false pubblicate. Ad effettuare questo studio il ricercatore David Lazer della Northeastern University.

Fake News, chi sono i divulgatori?
Fake News (Pixabay Foto) Notizie.com

Come ha fatto? Sono state stilate delle liste pubbliche di account che sparano notizie false e che sono state mantenute da giornalisti ed altri. Sono stati selezionati gli utenti che twittavano con il loro nome e cognome. Gli accademici hanno incrociato questi dati con i database pubblici di cittadini iscritti alle liste elettorali: risultato? Si è ottenuto un elenco di 14.600 utenti pubblicatori di fake news. Non è finita qui visto che si è scoperto che, la maggior parte di loro, era appartenente alla destra e l’estrema destra.

Nel mese di gennaio è stato condotto un altro studio. Questa volta da Andrew Guess dell’Università di Princeton. Il ricercatore ha chiesto a 1.300 utenti di Facebook di condividere con i ricercatori il proprio feed. In modo tale da identificare i pubblicatori. Risultato? Solamente l’8,5% degli utenti condivide e interagisce con le notizie false. La maggior parte di loro ha più di 65 anni. E poi dicono che l’età non conta…

Impostazioni privacy