Ambiente e assetto variabile: presentata la scuola del futuro

L’installazione MR Digital, esposta alla Milano Design Week, mostra un modello di spazio di apprendimento progettato da Stefano Boeri Interiors, che mette al centro le nuove esigenze dei docenti e degli studenti.

La scuola del futuro sarà ad assetto variabile, un ambiente flessibile e multifunzionale che favorisce la collaborazione, l’inclusione, l’apprendimento esperienziale e la sostenibilità. La trasformazione digitale in atto nella società richiede alle scuole di innovarsi e integrare le nuove tecnologie nella didattica, ma la scuola del futuro è qualcosa di più e va oltre la semplice digitalizzazione delle aule. Il progetto presentato in occasione della Milano Design Week, intitolato “Scuola del futuro”, è stato realizzato da MR Digital in collaborazione con Studio Boeri Interiors ed è stato ispirato dal Future Classroom Lab della European Schoolnet di Bruxelles. L’installazione è visitabile fino a luglio e offre un modello di spazio di apprendimento che mette al centro le nuove esigenze dei docenti e degli studenti.

Scuola del futuro
Un progetto Enel di scuola del futuro (Ansa) – Notizie.com

La classe della scuola del futuro è un ambiente flessibile e multifunzionale, con diverse possibili configurazioni a seconda della singola necessità o lezione. I banchi singoli non ci saranno più e gli elementi di arredo avranno le rotelle per essere spostati alla bisogna e fare spazio alla creatività e alla condivisione, anche di responsabilità. La tecnologia diventa uno strumento che supporta e integra la didattica tradizionale, favorendo metodi di apprendimento esperienziali che facilitano la collaborazione e permettendo di rispondere più facilmente alle esigenze di ogni studente e del mondo del lavoro.

Ecco come sarà la scuola del futuro

La scuola del futuro prevede cinque aree, ispirate alle learning zone del Future Classroom Lab. Al centro c’è la zona Present, che con divanetti fonoassorbenti e monitor interattivi consente agli studenti di condividere ciò che creano. L’area Investigate ed Exchange ospita tavoli per coding e robotica e serre idroponiche per favorire la collaborazione fra studenti, rafforzare il senso di responsabilità e la capacità di lavorare e prendere decisioni in team. L’area Develop serve a favorire l’apprendimento informale, la riflessione e lo studio individuale, mentre nell’area Interact i docenti guidano gli alunni nell’apprendimento.

Scuola del futuro
La scuola del futuro è sempre più vicina (Ansa) – Notizie.com

Infine, l’area Create consente agli alunni di mettere in pratica quanto hanno imparato creando i propri contenuti digitali audio e video, con anche un photo booth e una postazione per la registrazione di podcast. L’attenzione è posta anche all’adozione il più possibile di materiali sostenibili e all’inclusione. Gli elementi che favoriscono la concentrazione sono studiati per creare un ambiente salubre e sicuro. Lo spazio è concepito con attenzione all’utilizzo di elementi flessibili e modulari, pareti mobili e arredi che possono essere spostati facilmente.

Impostazioni privacy